2020 YAMAHA WR250R REVIEW – E’ COME DARE A UN GIBBON UN AK-47

Articoli

Pubblicato il 27 marzo, 2020 |by Boris

0

Questo è un buon segno su un WR.

Darmi una moto da cross è come dare a un gibbone un AK-47. È esilarante. Un sacco di rumore. Urla. Roba che esplode. Massiccia ilarità per un po’, e poi un sacco di lacrime, rimpianti e recriminazioni.

Questo sono io e una dirt-bike.

In questo caso, una Yamaha WR250R del 2020 leggermente modificata, che è una vera e propria moto da cross, tutta manopole appuntite, altezza della sella impegnativa e una crudeltà spietata.

L’ho fissata a lungo mentre era nel mio garage.

“Cosa dovrei farci con questa? Mi sono chiesto, più e più volte. “I lettori si aspetteranno una recensione adeguata. E una recensione appropriata comporterà che io la lanci in cielo, che la faccia cadere da un terrapieno e che faccia impennate su alberi caduti.”

Mia moglie mi ha scattato una foto d’addio da consegnare alle squadre di soccorso quel pomeriggio.

Ora posso certamente mandare la WR in cielo. Posso mandare in cielo qualsiasi moto. Non posso garantire l’atterraggio. Lo stesso vale per l’azione hot-berm e le impennate sui tronchi. Tutto questo può essere iniziato. Niente di tutto ciò può essere completato con qualcosa che assomigli alla grazia.

Ho cavalcato un po’ di sporco. A volte molto in un solo colpo. Alcuni di essi sono stati molto impegnativi, anche per i dirt-riders esperti. Non sono bravissimo. Non sono nemmeno molto bravo. Certo, lo capisco e conosco la meccanica di ciò che devo fare quando si presentano vari scenari, ma ci sono due problemi.

Non era così profondo.

Problema Il Primo. Non vado sullo sterrato abbastanza spesso per affinare nessuna di queste abilità, e ci vuole un po’ di tempo (diverse ore) prima che la guida in stile enduro diventi una cosa riflessiva per me.

Problema Il Secondo. Ho un anno in meno di 60 anni, e ho delle lesioni significative che mi impediscono di muovermi come il leopardo da caccia che ero una volta.

Abbiamo avuto un po’ di pioggia qui.

E siccome la scopata ad alta azione con la moto da cross è un’enorme sfida fisica e di abilità, nessuna di quelle cose sexy sarebbe accaduta sotto i miei occhi.

Siamo anche in preda a una pandemia, e chiedere al mio solito fotografo, Nick Edards, di uscire dall’autoisolamento per fotografarmi mentre cago sulla terra non era un’opzione.

Cosa fare? Fallo da solo, Borrie. Mettiti il tuo equipaggiamento da dirt-riding appena usato, poi vai a non morire in un posto non così orribile.

Così la settimana scorsa mi sono rivestito di armatura, stivali e del miglior casco da dirt sulla terra, e sono partito per esplorare il Mt Royal National Park e i suoi dintorni.

Mi ci sono voluti cinque minuti per rimettermi in piedi.

Solo. Nessuno dovrebbe fare dirt-riding da solo per ovvi motivi.

Sono andato lo stesso. E se aveste voluto trovare qualcuno più motivato di me a non schiantarsi quel giorno, non ci sareste riusciti.

Mi ha confortato molto il fatto che il WR fosse il mio giro.

Mi piace molto il modo in cui la carenatura aftermarket la ravviva.

È sinonimo di affidabilità e robustezza. E se avete intenzione di partire da soli – e non dovreste, ma se lo fate, allora prendete qualcosa che sia difficile da uccidere, che parta ogni volta e che vi riporti a casa anche se la vostra milza sta perdendo.

La WR250 è quel qualcosa.

Greg Yager, che gestisce una società di adventure-ride chiamata RideADV, non può lodarla abbastanza, e ne ha 20. Ho letto la sua opinione con grande interesse.
“Queste moto sono incredibilmente affidabili. Abbiamo accumulato più di 350.000 km con loro e non abbiamo mai avuto un problema. Tutto ciò che richiedono è una manutenzione regolare – non abbiamo nemmeno bisogno di spessorare le valvole.”

Buona notizia, ho pensato. Non ho mai spessorato una valvola in trent’anni.

“Abbiamo una moto con 57.000 km, per lo più fuori strada, comprese sette volte attraverso l’impervio deserto dei Simpson. L’unica volta che tiriamo fuori le chiavi è per la manutenzione regolare. Le valvole non hanno richiesto regolazioni e stiamo ancora usando la candela originale…”

È come uno specchio per il trucco, signore.

Mt Royal non è il Simpson Desert, ho pensato. Sarò dolce.

“In 46 anni di guida e lavoro su moto da cross non ho mai incontrato un modello così affidabile. Il motore è a prova di proiettile e sopporta abusi inimmaginabili. Cambiamo solo l’olio, i filtri e le gomme, e le nostre moto continuano a funzionare. Sono le migliori moto d’avventura là fuori, e certamente la moto da scegliere per un’avventura intorno al mondo senza problemi.”

Questo è importante, soprattutto per gli idioti come me.

Ho bisogno di essere convinto che la moto su cui sto per salire mi riporterà a casa più o meno qualunque cosa io faccia con essa o ad essa. Picchiarla con un pezzo di albero e piangere perché non parte a 60 km dalla più vicina ricezione telefonica è quello che vedo nella mia mente ogni volta che qualcuno mi dice: “Giro in bici da cross!”.

Ho visto foto e letto recensioni di divinità del dirt che mi dicono che la WR può fare tutta la roba dura dell’enduro con facilità.

Un cartello che afferma la bellezza di Mt Royal.

Mi interessava sapere se poteva fare quello per cui avrei comprato una bici come questa: l’avventura vera e propria.

Lasciate che vi spieghi in una frase semplice.

Prendere una moto adventure 1250cc a pieno carico dopo essersi buttati in un canale di scolo a 60km/h fa schifo.

Ecco un’altra frase semplice.

Anche sollevare una moto d’avventura da 800cc 224 volte in un giorno fa schifo alle palle.

Il peso è una cosa terribile quando è aggravato dalla gravità o dall’inerzia.

Non voglio sentire una parola su “True Horizons”. Ero solo e in pericolo imminente ogni secondo. Non avevo tempo per truccare gli orizzonti.

Quindi, se non sei bravo con lo sterrato, o con il sollevamento pesi, e vuoi una moto che possa letteralmente andare in posti dove quelle moto più grandi non osano, o che richieda un set di abilità che non hai, allora la tua scelta è semplice.

Certamente, se sei bravo con lo sterrato, allora non troverai la WR250R che ti manca. E Yamaha ha altre WR250 – la WR250F e la WR250FX – e sono molto più pelose sul petto della più delicata versione R. Perché? Beh, Yamaha vede la WR250R come una specie di tourer leggera e avventurosa, principalmente per le ragioni che ho elencato sopra – leggerezza, facilità d’uso e affidabilità. Non ho mai desiderato che i comandi mi cadessero facilmente tra le mani, o che la vernice brillasse ai moribondi raggi del sole.

E’ una grande moto entry-level se volete la Tenere 700, ma pensate che sia semplicemente troppo in questo momento. Diventa bravo sulla WR250R e sarai un dio su quella più grande.

Come ho detto, è basilare, semplice, e proprio il biglietto se vuoi davvero esplorare.

È in piedi. Quindi sto vincendo.

Ho esplorato. Sono andato fino alla fine della pista principale di Mt Royal. Ho visto uno spettacolo terrificante. Una robusta donna di mezza età con un bikini color carne stava scaricando una cassa di Four-Ex dal retro di un piccolo fuoristrada nell’area del campeggio che ho passato. Mi ha fatto un cenno, mentre il suo partner maschile avvolgeva rapidamente le sue nudità in un asciugamano stracciato.

La strada era facile. Liscia e senza intoppi, come il mio progresso. La vegetazione è piuttosto unica in questo parco dichiarato patrimonio dell’umanità. Questa è una delle ultime strane foreste pluviali temperate della costa orientale.
Così sono andato fino alla fine dove c’è il cancello, e poi sono risalito sulla catena e ho preso un altro bivio.

“Unmaintained Road” diceva il cartello.

Potevo sentire il muggito delle alci della giungla in lontananza.

Fico, ho pensato. Sarà sicuramente un po’ più impegnativo del sentiero del fuoco.
E lo era. Era più ripido, segnato da canali di scolo, e vantava un dislivello vertiginoso che mi entusiasmava e mi terrorizzava in egual misura. E questo è ciò che questo tipo di guida deve fare: devi essere cauto e devi essere audace. E devi sapere quando essere quale. E se sei da solo, allora devi essere al massimo perché la pista può cambiare senza alcun preavviso.
Ho pedalato per circa 15 km, tenendo d’occhio la mia benzina tramite uno dei due trip-metri.

La WR250R su cui ero è stata modificata un po’.Vantava un serbatoio Safari da 13,5 litri, una carenatura in vetroresina dall’aspetto fresco, una bash plate GYTR, un portapacchi slim Scaggs Moto Designs, alcuni Barkbusters e un kit di decalcomanie.

Così aveva una grande autonomia (immagino circa 180-200 km), qualche marcia in più fondamentale per un lavoro serio, e aveva un aspetto molto serio. Speravo solo di sembrare in tutto e per tutto l’intrepido dio dell’avventura che desideravo essere.

Le sospensioni della WR sono davvero di prima qualità – diavolo, è quasi confortante il modo in cui assorbe gli urti. La WR è alta, ma non eccessivamente, e leggera (134 kg sul bagnato), quindi è molto facile da manovrare in situazioni strette. Ho cercato di ridurle al minimo dato che ero da solo. Non avevo voglia di tornare zoppicando dalla signora in bikini e dal suo compagno nudo e chiedere aiuto.

Sono uscito dalla foresta primordiale intatto e molto soddisfatto di me stesso. Non solo non ero morto, ma nemmeno mutilato.

Non sono stato mutilato.

Sono tornato in città a 100-110. La WR250R non è infelice a quelle velocità sul catrame, anche se ha bisogno di un po’ di down-changing quando incontra una collina.

L’ho parcheggiata nel mio garage e l’ho guardata davanti a una birra.

Questo è l’aspetto di quella di serie nel caso ve lo steste chiedendo.

Ho sentito che la mia felicità generale potrebbe essere aumentata molto con uno di questi nel mio capannone.

Per le occasioni speciali, si capisce.
Costa solo $9499. Che a mio parere non è un grande dal di soldi per una moto che vi porterà in posti e vi mostrerà cose che rimarranno con voi per sempre.

E poi vi porterà anche a casa.

TUTTE LE SPECIFICHE SI TROVANO QUI

Tags: Dirt, NEW MODELS, Rides, WR250R, Yamaha

Informazioni sull’autore

Boris è uno scrittore che negli anni ha contribuito a molte riviste e siti web, ha curato un paio di quelle cose e ha scritto alcuni libri. Ma il suo contributo più importante è far incazzare la gente. Sente che questa è la sua vocazione nella vita e qualcosa che prende sul serio. Gli piace anche il whisky, il whisky e il modo in cui le ragazze ballano sui tavoli. E andare in moto. Anche quello gli piace molto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *