Charlottetown

Articolo principale: Storia di Charlottetown

Storia antica (1720-1900)Edit

I primi coloni europei nella zona furono francesi; il personale della fortezza di Louisbourg fondò un insediamento nel 1720 chiamato Port La Joye nella parte sud-ovest del porto di fronte alla città attuale. Questo insediamento fu guidato da Michel Haché-Gallant, che usò il suo sloop per traghettare i coloni acadiani da Louisbourg.

Charlottetown prese il nome dalla regina Charlotte, regina consorte di re Giorgio III. L’ufficiale francese Ramezay inviò 500 uomini per attaccare le truppe britanniche nella battaglia di Port-la-Joye. I francesi ebbero successo nell’uccidere o catturare quaranta truppe britanniche.

Nell’agosto del 1758, al culmine della guerra franco-indiana, una flotta britannica prese il controllo dell’insediamento e del resto dell’isola, deportando prontamente quei coloni francesi che riuscirono a trovare nella campagna dell’Ile Saint-Jean (questo avvenne ben tre anni dopo l’iniziale espulsione degli acadiani in Nuova Scozia). Le forze britanniche costruirono Fort Amherst vicino al sito dell’insediamento abbandonato di Port La Joye per proteggere l’ingresso al porto.

Charlottetown fu scelta come sede della contea di Queens County nel sondaggio coloniale del 1764 dal capitano Samuel Holland dei Royal Engineers. Un anno dopo, Charlottetown fu nominata capitale coloniale dell’isola di St. Ulteriori indagini condotte tra il 1768-1771 stabilirono la griglia stradale e le piazze pubbliche che possono essere viste nel quartiere storico della città. La città fu chiamata così in onore di Charlotte di Mecklenburg-Strelitz, regina consorte del Regno Unito come moglie di re Giorgio III.

Il 17 novembre 1775, durante la rivoluzione americana, la nuova capitale della colonia fu saccheggiata da corsari del Massachusetts nel Raid on Charlottetown (1775). Durante l’attacco, il sigillo coloniale fu rubato e diversi prigionieri, tra cui Phillips Callbeck e Thomas Wright, furono portati a Cambridge, Massachusetts e poi rilasciati.

Nel 1793, la terra era stata messa da parte dal governatore Fanning sui limiti occidentali della comunità per l’uso dell'”amministratore del governo” (il governatore), e come tale divenne noto informalmente come “Fanning’s Bank” o semplicemente “Fanning Bank”. Il 29 novembre 1798, l’isola di St. John fu rinominata in Prince Edward Island in onore del principe Edoardo, duca di Kent e Strathearn che era il comandante in capo del Nord America.

Nel 1805, la guarnigione britannica locale costruì una difesa portuale chiamata “Fort Edward” a ovest del lungomare della capitale e la “Prince Edward Battery” presidiava questa struttura. Nel 1835, la “Government House” fu costruita a Fanning Bank come residenza per il governatore della colonia. Oggi, serve come residenza ufficiale per il vice governatore.

Tra il 1843 e il 1847, un nuovo edificio legislativo fu costruito nella comunità. Chiamato originariamente Colonial Building, dopo la Confederazione con il Canada divenne gradualmente noto come “Province House”. Il completamento di questa struttura con Isaac Smith come costruttore/architetto fu un’importante pietra miliare nella storia della capitale ed è ancora oggi in uso come sede legislativa provinciale e come sito storico nazionale, ed è attualmente la seconda sede legislativa più vecchia del Canada.

Il 17 aprile 1855, Charlottetown fu incorporata come città, tenendo il suo primo consiglio l’11 agosto dello stesso anno. La comunità aveva 6.500 residenti al momento dell’incorporazione.

Membri della Conferenza di Charlottetown, una conferenza per discutere la Confederazione canadese, davanti alla Government House nel 1864.

Tra l’1 e l’8 settembre 1864, Charlottetown ospitò quella che oggi viene definita la Conferenza di Charlottetown. Anche se molti degli incontri e dei negoziati che avrebbero portato alla Confederazione canadese si tennero nella Province House, vari eventi sociali si riversarono nella comunità circostante.

Vista di Charlottetown nel 1872, un anno prima dell’ingresso dell’Isola Principe Edoardo nella Confederazione canadese. Oltre ad essere la sede del governo coloniale, la comunità si fece notare all’inizio del XIX secolo per la costruzione navale e l’industria del legname, oltre ad essere un porto di pesca. Il 14 giugno 1873 la “Government House Farm” a Fanning Bank fu designata come parco municipale, chiamato Victoria Park in onore della regina Vittoria. Nell’agosto 1874, la Prince Edward Island Railway aprì la sua linea principale tra Charlottetown e Summerside. La ferrovia, insieme all’industria marittima, avrebbe continuato a guidare lo sviluppo industriale sul lungomare per diversi decenni a venire. La prima struttura sanitaria della provincia, l’ospedale di Charlottetown, fu aperta dalla diocesi di Charlottetown nel 1879, che fu seguita dall’ospedale pubblico Prince Edward Island nel 1884.

Storia moderna (1900-oggi)Edit

La religione ha giocato un ruolo centrale nello sviluppo delle istituzioni di Charlottetown con istituzioni non confessionali (es.Cioè protestante) e le scuole pubbliche cattoliche (cattolica Queen Square, Notre Dame, e St Joseph’s contro la protestante West Kent e Prince Street), gli ospedali (Prince Edward Island Hospital contro Charlottetown Hospital), e le istituzioni post-secondarie (Prince of Wales College contro St. Dunstan’s University). Il St. Dunstan è stato originariamente sviluppato come un seminario per la formazione di sacerdoti, e il Maritime Christian College è stato fondato nel 1960 per formare predicatori per le chiese cristiane e le chiese di Cristo nell’Isola del Principe Edoardo e nelle province marittime.

Come per la maggior parte delle comunità del Nord America, l’automobile ha plasmato lo sviluppo di Charlottetown nella seconda metà del ventesimo secolo, quando le fattorie periferiche nelle aree rurali di Brighton, Spring Park e Parkdale hanno visto aumentare gli sviluppi abitativi. Il campo d’aviazione di Charlottetown nella vicina comunità rurale di Sherwood fu migliorato come parte del piano di addestramento aereo del Commonwealth britannico e operò per tutta la durata della seconda guerra mondiale come RCAF Station Charlottetown, insieme a RCAF Station Mount Pleasant e RCAF Station Summerside. Dopo la guerra l’aeroporto fu designato Charlottetown Airport. I cantieri navali di Charlottetown furono utilizzati ampiamente durante la seconda guerra mondiale, essendo utilizzati per il refit e l’aggiornamento di numerose navi da guerra della Royal Canadian Navy. L’ulteriore sviluppo del dopoguerra continuò ad espandere le proprietà residenziali nelle aree adiacenti, in particolare nelle vicine comunità agricole di Sherwood, West Royalty e East Royalty.

Nel 1959, il villaggio suburbano di Spring Park fu unito alla città, estendendo il confine settentrionale della città da Kirkwood Drive a Hermitage Creek e includendo il campus della St. Dunstan’s University.

Ingresso del Confederation Centre of the Arts. Il Centro è stato aperto nel 1964, per commemorare il centenario della Conferenza di Charlottetown.

Per commemorare il centenario della Conferenza di Charlottetown, i dieci governi provinciali e il governo del Canada hanno contribuito a un monumento nazionale ai “Padri della Confederazione”. Il Confederation Centre of the Arts, aperto nel 1964, è un regalo ai residenti dell’Isola del Principe Edoardo, e contiene una biblioteca pubblica, una galleria d’arte di fama nazionale, e un teatro principale che ha suonato al Festival di Charlottetown ogni estate da allora.

Negli anni 60, nuove scuole pubbliche furono costruite nella comunità, e nel 1969 la città divenne sede dell’amalgamata Università del Principe Edoardo Island (UPEI), situata nel campus dell’ex Università di St. Dunstan. Insieme al Dipartimento federale dell’agricoltura e dell’agroalimentare di Charlottetown Experimental Farm (conosciuta anche come Ravenwood Farm), queste proprietà comprendono un grande spazio verde circondato dalla città. Il campus del centro del Prince of Wales College divenne parte di un nuovo sistema provinciale di college comunitario chiamato Holland College, in onore del famoso geometra dell’isola. Il PEI Comprehensive Development Plan alla fine degli anni ’60 contribuì notevolmente all’espansione del governo provinciale a Charlottetown per il decennio successivo.

Campus della University of Prince Edward Island. Nel 1969, due istituzioni post-secondarie locali, la Saint Dunstan’s University e il Prince of Wales College, si sono fuse per formare la UPEI.

L’ospedale Queen Elizabeth è stato aperto nel 1982. Nel 1983, la sede nazionale del Dipartimento federale degli Affari dei Veterani fu trasferita a Charlottetown come parte di un programma di decentramento del governo federale a livello nazionale. Nel 1986, l’UPEI si espanse ulteriormente con l’apertura dell’Atlantic Veterinary College.

Per tutti gli anni ’70 e ’80, ci fu un aumento degli uffici commerciali e dello sviluppo delle vendite al dettaglio. Un hotel sul lungomare e un centro congressi furono completati nel 1982 e contribuirono a incoraggiare la diversificazione e il rinnovamento dell’area, portando a diversi complessi residenziali e strutture commerciali in centro. L’abbandono del servizio ferroviario nella provincia da parte della CN Rail nel dicembre 1989 ha portato alla trasformazione dei terreni ferroviari e industriali all’estremità orientale del lungomare in parchi e attrazioni culturali.

Nella fine degli anni ’90 e negli anni 2000, il panorama della vendita al dettaglio è cambiato con l’apertura di grandi negozi al posto di ex centri commerciali tradizionali e in nuovi sviluppi nella periferia nord, in particolare il quartiere di West Royalty, che è uno snodo stradale chiave.

Il 1 aprile 1995, Charlottetown si è amalgamata con la città di Parkdale e le comunità incorporate di East Royalty, Hillsborough Park, Sherwood, West Royalty e Winsloe. Allo stesso tempo, l’amalgamata Charlottetown ha annesso Queens Royalty. Oggi, la città di Charlottetown occupa parti delle borgate Lot 33 e Lot 34.

Il quartiere centrale degli affari continua a subire un’espansione incrementale con la costruzione di uffici del governo e del settore privato e la costruzione o la ristrutturazione di nuovi spazi istituzionali, tuttavia lo spazio di vendita al dettaglio nel CBD ha sofferto a causa della costruzione di grandi scatole al dettaglio periferiche negli ultimi anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *