Jolanta Nejman Arte: Practical Advice – How To Label Artwork In An Exhibition

Proprio quando pensi di essere pronto per una mostra ti rendi conto che l’arte ha bisogno di un’etichetta, qualcosa che dica allo spettatore cosa e chi di ciò che sta guardando.
Di seguito le informazioni da un sito meraviglioso con grandi informazioni visive da cui cito il seguente.
Avrei voluto ri-blog ma siccome i nostri blog sono da piattaforme diverse non ho potuto capire come farlo. Oltre a questo The Practical Art World ha un sacco di altre informazioni per gli artisti e vale la pena visitare.
Come etichettare le opere d’arte in una mostra
Una volta che hai appeso le opere d’arte per una mostra, come hai intenzione di trasmettere i dettagli delle opere ai visitatori? Ci sono diverse opzioni per etichettare il tuo lavoro in questo contesto, anche se ognuna di esse dovrebbe informare i visitatori:

  • Il nome dell’artista
  • Il titolo dell’opera
  • Il supporto dell’opera
  • Le dimensioni dell’opera
  • Il prezzo dell’opera (se applicabile)

Ecco un esempio:

Vincent van Gogh
La notte stellata, 1889
Olio su tela
73.7 cm × 92,1 cm (29 in × 36¼ in)

Di seguito alcune opzioni per etichettare professionalmente le vostre opere d’arte in un contesto espositivo.
Vinile
Spesso gallerie e musei utilizzano il vinile per visualizzare il nome di un artista e / o il titolo della mostra vicino all’ingresso. La prossima volta che visitate un’istituzione, date un’occhiata. Le scritte in vinile tagliate su misura sono facilmente rimovibili e non danneggiano le pareti.
Poiché le scritte in vinile possono essere tagliate molto piccole, è possibile far aderire le informazioni per ogni pezzo direttamente accanto ad ogni opera d’arte.
Utilizzando un carattere che è 12pts o meno sarebbe generalmente adatto a questo scopo. Puoi parlare con i tagliatori di vinile per discutere le opzioni per le dimensioni, i colori e i caratteri.
Mappa
Fare una mappa della galleria è una buona opzione se vuoi mantenere le pareti intorno al tuo lavoro completamente libere da altre informazioni o distrazioni. Usando una piantina della galleria, numera le tue opere e fornisci una lista corrispondente.

Etichette adesive
Se non vuoi affrontare la spesa di avere vinili personalizzati tagliati per le etichette, puoi usare le tradizionali etichette della stampante per mostrare le tue informazioni. Alcune persone le attaccano direttamente al muro, ma a meno che il muro non sia perfettamente piatto e liscio, questo di solito ha un aspetto poco professionale. Puoi invece attaccare le tue etichette su cartoncino o foamcore, poi usando un righello e un coltello ex-acto tagliare i bordi in modo che l’etichetta sia a filo con il supporto.

Wayne-Thiebaud---De-Young-1 etichetta
Le informazioni più standard incluse nelle etichette delle opere d’arte sono:
1. Il nome dell’artista
2. Il titolo dell’opera
A seconda delle tue preferenze, il titolo dell’opera può essere semplice, in corsivo o in grassetto. Il corsivo è spesso usato per differenziare il titolo dal resto delle informazioni, così come per fare riferimento alle regole grammaticali inglesi per i titoli. Il titolo potrebbe anche essere in grassetto come metodo diverso per differenziarlo dal resto delle informazioni.
3. La data dell’opera d’arte
Generalmente, la data di un’opera d’arte è l’anno in cui è stata completata. A volte, se un’opera è stata portata avanti per un lungo periodo di tempo e l’artista vuole riconoscerlo, si possono includere più anni (per esempio, 2012-2014). Se la data dell’opera è sconosciuta (di solito per le opere storiche), viene incluso “circa”: per esempio, c. 1919.
4. La dimensione dell’opera d’arte
La misura di un’opera d’arte di solito si riferisce alla dimensione esterna della tela, carta, o altro materiale che è la base di un’opera d’arte. A meno che la cornice sia parte integrante dell’opera stessa, le sue misure non dovrebbero essere considerate la dimensione dell’opera d’arte. Lo standard è di elencare l’altezza, poi la larghezza. La profondità, se applicabile, dovrebbe essere elencata per terza. Per esempio, 57 x 46 x 3 pollici. A volte, non ci sono dimensioni specifiche per un’opera (per esempio, un’opera video, o un’opera che cambia dimensioni a seconda delle diverse circostanze di installazione). Nel caso in cui non ci siano dimensioni specifiche, è appropriato elencare dimensioni variabili.

4.a La durata dell’opera
Per opere d’arte di durata come video o audio, questo formato è spesso usato per elencare la loro durata: 00:00:00 (ore, minuti, secondi). Puoi anche semplicemente elencare 1 ora, due minuti, o qualunque sia la durata della tua opera. Non è assolutamente necessario elencare la durata dell’opera, tuttavia opere di questa natura sono spesso catalogate in questo modo.

5. Il mezzo dell’opera d’arte
Questo sembra semplice, anche se a volte può essere difficile decidere cosa dovrebbe essere elencato e cosa dovrebbe essere lasciato fuori. È davvero una scelta dell’artista quanto dettagliato vorrebbe essere. Per esempio, puoi elencare il tuo mezzo il più semplicemente possibile (per esempio, olio su lino). Puoi includere più dettagli, se pensi che siano parte integrante dell’opera (per esempio, gel medium, tè, sabbia, terra, erba su tela trovata).
6. Il prezzo o l’elenco dei crediti
Se stai vendendo la tua opera e vuoi includere un prezzo sulla tua etichetta, mettilo in fondo. Se l’opera non è in vendita, puoi lasciare questo spazio vuoto. Se l’opera è in prestito, questo è il punto in cui dovresti accreditare il prestatore. Per esempio, per gentile concessione di Cleopatra.
7. Informazioni aggiuntive
I musei o gli stabilimenti più grandi che mostrano artisti di importanza storica spesso elencano ulteriori informazioni sulle loro etichette. Questo potrebbe essere l’anno di nascita e l’anno di morte dell’artista (se applicabile), il numero di catalogazione del museo stesso per l’opera, e un credito al donatore dell’opera se applicabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *