Metodo di valutazione del dolore PQRST

Poiché il dolore è soggettivo, il self-report è considerato il Gold Standard e la misura più accurata del dolore. Il metodo di valutazione del dolore PQRST è uno strumento prezioso per descrivere, valutare e documentare accuratamente il dolore di un paziente. Il metodo aiuta anche nella selezione dei farmaci antidolorifici appropriati e nella valutazione della risposta al trattamento.

Gli infermieri possono aiutare i pazienti a riferire più accuratamente il loro dolore usando queste domande di valutazione PQRST molto specifiche:

P = Provocazione/Pallivazione

Cosa stavi facendo quando è iniziato il dolore? Cosa l’ha provocato? Cosa lo rende migliore o peggiore? Cosa sembra scatenarlo? Lo stress? La posizione? Certe attività?

Cosa lo allevia? Farmaci, massaggi, caldo/freddo, cambiare posizione, essere attivi, riposare?

Cosa lo aggrava? Movimento, piegarsi, sdraiarsi, camminare, stare in piedi?

Q = Qualità/Quantità

Come ci si sente? Usa parole per descrivere il dolore come acuto, sordo, lancinante, bruciante, schiacciante, palpitante, nauseante, lancinante, torcente o stiracchiato.

R = Regione/Radiazione

Dove è localizzato il dolore? Il dolore si irradia? Dove? Ti sembra che viaggi/si sposti? Ha iniziato altrove e ora è localizzato in un punto?

S = Scala di gravità

Quanto è grave il dolore su una scala da 0 a 10, dove zero è nessun dolore e 10 è il dolore peggiore in assoluto? Interferisce con le attività? Quanto è grave nel momento peggiore? La costringe a sedersi, a sdraiarsi, a rallentare? Quanto dura un episodio?

T = Timing

Quando/quando è iniziato il dolore? Quanto tempo è durato? Quanto spesso si verifica: ogni ora? ogni giorno? ogni settimana? ogni mese? È improvviso o graduale? Cosa stavi facendo quando l’hai provato per la prima volta? Quando lo senti di solito: di giorno? di notte? di mattina presto? Viene mai svegliato da questo fenomeno? Porta a qualcos’altro? È accompagnato da altri segni e sintomi? Si verifica mai prima, durante o dopo i pasti? Si verifica stagionalmente?

Documentazione

Oltre a facilitare una valutazione accurata del dolore, una documentazione attenta e completa dimostra che stai prendendo tutte le misure appropriate per garantire che i tuoi pazienti ricevano una gestione del dolore della massima qualità. È importante documentare quanto segue:

  • La comprensione della scala del dolore da parte del paziente. Descrivere la capacità del paziente di valutare il livello di dolore usando la scala del dolore 0-10.
  • Soddisfazione del paziente per il livello di dolore con la modalità di trattamento corrente. Chiedere al paziente quale era il suo livello di dolore prima di prendere gli antidolorifici e dopo averli presi. Se il livello di dolore del paziente non è accettabile, quali interventi sono stati fatti? Citare la risposta del paziente.
  • Comunicazione con il medico. Riportare sempre qualsiasi cambiamento nelle condizioni.
  • Educazione del paziente fornita e la risposta del paziente all’apprendimento. Non scrivere “il paziente capisce” senza una valutazione di supporto come il paziente può verbalizzare, dimostrare, descrivere, ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *