Perché il pittore post-impressionista Paul Cézanne è conosciuto come il “padre dell’arte moderna”

Pittura di Paul Cezanne Paul Cezanne Natura morta Chi è Cezanne

Questo post potrebbe contenere link di affiliazione. Se fai un acquisto, My Modern Met potrebbe guadagnare una commissione di affiliazione. Si prega di leggere la nostra informativa per maggiori informazioni.

Nel tardo 19° secolo, il Post-Impressionismo emerse in Francia. Unificato da un approccio soggettivo alla pittura, questo importante movimento artistico è stato pioniere di Vincent van Gogh e Paul Cézanne, un pittore francese il cui lavoro è caratterizzato da pennellate pittoriche, un approccio avanguardista alla prospettiva e una tavolozza di colori vivaci.

Oltre al suo ruolo come un importante post-impressionista, Cézanne è celebrato come il capostipite del fauvismo e un precursore del cubismo. Data la sua importanza in questi generi innovativi, Cézanne è considerato una delle figure più influenti nella storia dell’arte moderna.

Paul Cezanne Dipinti Paul Cezanne Natura morta Chi è Cezanne

“Autoritratto con tavolozza,” c. 1890 (Foto: The Yorck Project via Wikimedia Commons Public Domain)

Chi è Cézanne?

Paul Cézanne è nato ad Aix-en-Provence, un comune nel sud della Francia, nel 1839. Mentre vive e lavora principalmente in questa regione, trascorre anche del tempo a Parigi, dove espone con artisti impressionisti come Claude Monet e Mary Cassatt.

Sebbene lavori a stretto contatto con queste figure, non si considera un impressionista. A differenza degli impressionisti, Cézanne preferisce dipingere in studio piuttosto che lavorare en plein air. Rifiutava la loro pennellata apparentemente spontanea e preferiva composizioni organizzate e ordinate. Inoltre non era interessato a catturare impressioni fugaci dei suoi soggetti – una caratteristica chiave dell’impressionismo – e si concentrò sul simbolismo e sulla sostanza piuttosto che sullo stile. “Volevo fare dell’impressionismo qualcosa di solido e duraturo come l’arte dei musei”, ha spiegato (Cézanne: A Memoir With Conversations di Joachim Gasquet).

Come risultato di questo approccio artistico, Cézanne sviluppò un’estetica unica che si distingueva da quella dei suoi contemporanei.

Estetica

Pennellata “costruttiva”

All’inizio della sua carriera, Cézanne usava le spatole per produrre dipinti fortemente strutturati. Dopo aver lavorato a fianco degli impressionisti, tuttavia, fu ispirato ad abbracciare nuovi metodi di applicazione del colore.

Pittura di Cézanne di una piramide di teschi

“Piramide di teschi”, 1901 circa (Foto: Wikimedia Commons

Come gli impressionisti, adottò la tecnica della “pennellata spezzata”. A differenza delle pennellate veloci, simili a schizzi, caratteristiche dell’impressionismo, tuttavia, Cézanne impiegò “pennellate costruttive” – segni disposti meticolosamente che lavoravano insieme per creare forme geometriche. Poiché Cézanne evitava l’uso di linee scure, si affidava a queste pennellate contrastanti per “definire i contorni degli oggetti quando i loro punti di contatto sono tenui e delicati”.

Colore brillante

Oltre alle pennellate pittoriche, i dipinti di Cézanne sono anche caratterizzati da una tavolozza di colori riconoscibile. Mentre molte delle sue prime opere sono rese in toni cupi, alla fine adottò una preferenza per piani di tonalità sature.

Questo trattamento tonale è particolarmente pronunciato nei suoi paesaggi, come le sue radiose vedute del Mont Sainte-Victoire. In questa serie assolata, Cézanne riduce le montagne, gli alberi e le case mediterranee della campagna provenzale a blocchi di colore frammentati ma armoniosi. Questi piani policromatici aggiungono un senso di profondità ad ogni rappresentazione panoramica e mostrano l’approccio avanguardista di Cézanne nel rappresentare la natura. “Sono stato contento di me stesso quando ho scoperto che la luce del sole non poteva essere riprodotta”, ha spiegato, secondo Renoir. La sua vita e la sua opera. “Doveva essere rappresentata da qualcos’altro… dal colore.”

Paul Cezanne Dipinti Paul Cezanne Natura morta Chi è Cezanne

“Mont Saite-Victoire,” c. 1887 (Foto: via Wikimedia Commons )

Paul Cezanne Dipinti Paul Cezanne Natura morta Chi è Cezanne

“Mont Sainte-Victoire,” c. 1895 (Foto: via Wiki Art)

Paul Cezanne Dipinti Paul Cezanne Natura morta Chi è Cezanne

“Mont Sainte-Victoire e Château Noir,” c. 1904-1906 (Foto: Google Art Project via Wikimedia Commons)

Prospettiva distorta

Nei suoi dipinti, Cézanne ha spesso rifiutato le rappresentazioni realistiche dello spazio in favore di composizioni più creative. Questo è particolarmente evidente nelle sue rappresentazioni di nature morte, che spesso presentano frutta, bottiglie e altri oggetti quotidiani in equilibrio su piani inclinati e capovolti.

Paul Cezanne Dipinti Paul Cezanne Natura morta Chi è Cezanne

“Il cesto di mele”, 1890-1894 (Foto: Art Institute of Chicago via Wikimedia Commons )

In questi dipinti, Cézanne ha giocato con la prospettiva e le superfici appiattite per mostrare la stessa disposizione da più angoli contemporaneamente. Ha ottenuto questo risultato enfatizzando ogni singolo oggetto piuttosto che la scena nel suo insieme, culminando in composizioni accattivanti e fuori luogo. Questo principio di distorsione avrebbe poi giocato un ruolo importante nel Cubismo, come l’artista Georges Braque notò nel 1957: “Le regole rigide della prospettiva che è riuscito a imporre all’arte sono state un errore orribile che ci sono voluti quattro secoli per rimediare; Paul Cézanne e dopo di lui Picasso e io stesso possiamo prenderci molto credito per questo”.

Paul Cézanne Dipinti Paul Cézanne Natura morta Chi è Cézanne

“Natura morta con brocca di latte e frutta”, 1900 circa (Foto: National Gallery of Art, Washington D.C. via Wikimedia Commons )

Se abbinato alla sua pennellata analitica e alla tavolozza di colori vivaci, è questo approccio unico alla prospettiva che avrebbe portato Picasso a chiamare Cézanne “il padre di tutti noi”.

Opere significative

I giocatori di carte

Durante i primi anni 1890, Cézanne produsse una serie di cinque dipinti chiamati I giocatori di carte. Sebbene queste opere si concentrino su un soggetto simile, differiscono leggermente nel numero di figure e negli approcci stilistici.

Il dipinto I giocatori di carte del 1894-1895, per esempio, è una delle tre tele che raffigurano due giocatori di carte a un tavolo. A causa del suo completamento più tardivo, quest’opera in particolare contiene una pennellata più “costruttiva”, che prefigura la quintessenza dello stile degli ultimi anni di Cézanne.

Pittura di Cézanne sui giocatori di carte

“I giocatori di carte”, 1894-5 (Foto: Wikimedia Commons )

Le bagnanti

L’opus magnum di Cézanne, che è anche ampiamente considerato come uno dei capolavori di tutta l’arte moderna, si chiama Le bagnanti. Questo grande dipinto a olio si estende per circa 7 x 8 piedi e raffigura un gruppo di donne nude che si rilassano in riva a un lago. Cézanne dipinse diverse versioni del soggetto durante la sua carriera e passò sette anni a lavorare sulla rappresentazione più famosa, che rimase incompiuta al momento della sua morte nel 1906.

Paul Cezanne Dipinti Paul Cezanne Natura morta Chi è Cezanne

“Le bagnanti,” 1898-1905 (Foto: Google Art Project via Wikimedia Commons )

Questo grande dipinto ricorda le opere di maestri classici come Tiziano e Rubens nel suo contenuto. Come loro, Cézanne ha catturato un’atmosfera di svago romantico. Tuttavia, per rimanere fedele al proprio punto di vista artistico, il post-impressionista astrae le figure e lo sfondo in forme forti e geometriche.

Pittura di Paul Cezanne Paul Cezanne Natura morta Chi è Cezanne

Dettaglio de “I bagnanti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *