Perché piango quando mi arrabbio, mi fa sembrare debole?

Da: Sarah Fader

Aggiornato il 21 dicembre 2020

Rassegna medica da: Kristen Hardin

Le persone esprimono la rabbia in modi diversi

La rabbia è un’emozione complicata. Quando ci si arrabbia, si può diventare sopraffatti, esplosivi, o anche lacrimosi, piangendo lacrime di rabbia.

Ognuno esprime la rabbia in modo diverso. In molte parti del mondo, compresi gli Stati Uniti, la società ha un modo di genderizzare gli stati emotivi, attribuendo ad alcune emozioni valori diversi rispetto ad altre. Tendiamo a pensare alla rabbia come potente e la associamo a urla e violenza, mentre tendiamo a pensare alla tristezza come settimana e la associamo al pianto. Non c’è da meravigliarsi che le lacrime di rabbia possano confondere. Questo è un po’ diverso dal tipo di lacrime che si versano dopo aver visto un film triste.

Se trovi che ti arrabbi così tanto che inizi a piangere lacrime di rabbia, non sei solo in questo, e questo non ti rende debole; ti rende umano. Esploreremo di più quest’idea, ma cerchiamo di capire subito che se sei arrabbiato o triste o felice o qualsiasi altra cosa, le lacrime emotive vanno bene.

Un consulente può aiutarti ad avere più fiducia in te stesso

Non aspettare – trova un incontro con un terapeuta autorizzato oggi

Questo sito è di proprietà e gestito da BetterHelp, che riceve tutte le commissioni associate alla piattaforma.

Fonte: unsplash.com

Il pianto di rabbia è comune

Alcune persone vengono incredibilmente sopraffatte dai loro sentimenti di rabbia. Possono scagliarsi contro gli altri. Può presentarsi sotto forma di parole dure o urla – o, sì, anche lacrime di rabbia. A volte può anche essere difficile smettere di piangere quando si è arrabbiati.

Altre persone hanno difficoltà ad esprimere la loro rabbia, e invece di urlare, diventano agitate o emotive. In questi momenti, i sentimenti sono intensi, e sfogano la loro rabbia piangendo lacrime di rabbia. A volte la rabbia è così intensa che ti fa sentire come se ti facesse male il tetto della bocca.

Quando piangi arrabbiato, questo non ti rende debole. Stai esprimendo emozioni genuine. Tuttavia, se vuoi gestire o esprimere la tua rabbia in modo diverso, ci sono strumenti utili e meccanismi di coping che puoi usare quando hai voglia di piangere, come la meditazione, la terapia o il journaling. Parleremo di questi strumenti più avanti nell’articolo e di come trovare un terapeuta se pensi di averne bisogno.

Sotto la rabbia c’è il dolore. Ecco perché molte persone piangono quando sono arrabbiate. Hanno bypassato la rabbia e sono andati direttamente all’emozione sottostante. Anche se questo può sembrare di nuovo una “debolezza”, in realtà è un modo più sano e maturo di affrontare le emozioni forti.

Quando sei arrabbiato, stai anche soffrendo per qualcosa che una persona ti ha fatto o per una situazione che la vita ti ha gettato addosso. Non c’è niente di male nel piangere quando si è arrabbiati. Comunque tu esprima la tua rabbia va bene, finché non fai male a te stesso o a qualcun altro. Le lacrime di rabbia sono un modo per far uscire questi sentimenti in modo sicuro e sano. Può essere un po’ problematico quando non riesci a smettere di piangere, ma non dovresti lasciare che le tue lacrime ti facciano sentire come se fossi debole. Per la maggior parte, il pianto arrabbiato è molto normale e non ti rende insolito.

“Le lacrime possono essere salutari sia che siano arrabbiate o meno e un terapeuta può aiutarti ad assicurarti che stai affrontando le tue emozioni in modo sano.”

Alcune persone sono più in contatto con le loro emozioni di altre e possono avere più lacrime emotive di altre. Se sei una di queste persone, potresti piangere quando ti arrabbi, il che non ti rende meno forte o debole. Stai esprimendo la rabbia nel modo migliore che conosci – attraverso lacrime di rabbia. Se sei preoccupato che stai piangendo troppo spesso e non riesci a smettere di piangere, allora questo potrebbe essere un segno di un problema di salute mentale, ma questo è un po’ diverso dal normale pianto arrabbiato.

Fonte: unsplash.com

BetterHelp capisce la tua rabbia

Se non sei sicuro del perché piangi quando sei arrabbiato, la consulenza può aiutarti a capirlo. Sfortunatamente, può essere difficile trovare un terapeuta. In alcune aree può essere impossibile. E, una volta trovato un terapeuta, può essere ancora più difficile pagarlo.

BetterHelp è una piattaforma online che ti aiuta a trovare un terapeuta tra migliaia di terapeuti e consulenti professionali e autorizzati. Una volta trovato un terapeuta che sembra adatto a te, ci si incontra tramite chat private e chiamate vocali o video. Se trovi un terapeuta e poi stabilisci che non è quello giusto per te, è facile trovarne un altro.

BetterHelp è più conveniente che incontrare un terapeuta online, ma non è gratis. Questo perché BetterHelp deve pagare i propri terapisti e consulenti e i costi di gestione. Non devi mai preoccuparti “BetterHelp venderà le mie informazioni?” o “Ho i diritti riservati sui miei dati BetterHelp?” Puoi fidarti di BetterHelp.

I consulenti di BetterHelp capiscono le emozioni complesse, compresa la rabbia. Non ti giudicheranno per le tue lacrime di rabbia. È possibile che queste lacrime di rabbia derivino da altri sentimenti come la paura o l’ansia, e la terapia può aiutare anche in questo.

Un consulente può aiutarti ad avere più fiducia in te stesso

Non aspettare – trova un incontro con un terapeuta autorizzato oggi

Puoi leggere lo studio completo qui: Internet-Based Cognitive Behavior Therapy vs. Cognitive Behavioral Group Therapy for Social Anxiety Disorder: A Randomized Controlled Non-inferiority Trial

Ogni persona ha un rapporto diverso con la rabbia. Se trovi difficile dire alle persone che sei arrabbiato senza piangere, il tuo terapeuta online è qui per aiutarti ad esplorare questi sentimenti e a trovare la fonte del perché sei arrabbiato-piangendo.

Potresti essere in perdita sul perché crolli quando sei arrabbiato. Il tuo consulente ti aiuterà a parlare dei tuoi sentimenti, compresa la rabbia, e a scoprire come esprimere la rabbia in modo sano.

Tu meriti di poter esprimere tutte le tue emozioni senza sensi di colpa o vergogna. Nel counseling online, puoi sviluppare abilità positive per affrontare la rabbia. Molti terapeuti sono anche esperti in questioni complesse come i disturbi alimentari e persino il disturbo bipolare. Sapere che si può ottenere aiuto per il disturbo bipolare e altre condizioni complesse aiuta a dimostrare quanto possa essere utile la terapia online.

Leggi sotto per alcune recensioni dei consulenti di BetterHelp.

Recensioni dei consulenti

“Kay è stata determinante nell’aiutarmi a cambiare la mia percezione e a rompere il ciclo dei pensieri negativi. Il breve tempo in cui ha lavorato con me è stato molto più benefico di periodi molto più lunghi di terapia tradizionale. Penso che ci sia anche qualcosa di liberatorio nel formato della chat online. È più facile per me aprirmi attraverso questo mezzo che faccia a faccia, e posso arrivare ai problemi “reali” molto più rapidamente. È stata davvero una grande esperienza”.

“Finora il mio tempo con Jyl è stato davvero fantastico. Mi ha aiutato a identificare i segni della mia rabbia & come gestirla. È molto gentile & sembra davvero capire i miei problemi & ha ottimi modi per aiutarmi con le cose che voglio & affrontare. Sono davvero felice di aver trovato questa terapia online perché con il mio lavoro non potevo andare a un tipo di terapia in ufficio, questa è stata un’esperienza meravigliosa & Non vedo l’ora di avere il grande supporto che so di avere qui per andare avanti nella mia vita.”

Un Counselor può aiutarti ad avere più fiducia in te stesso

Non aspettare – trova un incontro con un terapeuta autorizzato oggi

Strumenti utili per gestire la rabbia

Ogni volta che hai voglia di piangere lacrime di rabbia, lasciarti provare quell’emozione e piangere quelle lacrime emotive va bene. Tuttavia, ci sono alcuni casi in cui le tue lacrime di rabbia potrebbero essere… scomode. Se piangete così tanto che il tetto della bocca vi fa male, allora potreste voler provare a controllare meglio le cose. Qui discuteremo alcuni approcci che puoi adottare da solo se non sei sicuro che sia necessario per te trovare un terapeuta in questo momento. Ricorda solo che la terapia dei test può fare la differenza e che questi meccanismi di coping potrebbero non essere sempre sufficienti per gestire correttamente la tua rabbia.

Meditazione

Secondo un recente studio della rivista Consciousness and Cognition, anche solo una sessione di meditazione può ridurre i sentimenti di rabbia di un individuo.

La rabbia è un’emozione sana quando si sa come comunicarla senza ferire gli altri. Tuttavia, essere persistentemente e frequentemente arrabbiati può danneggiare la qualità della vita. È difficile sentirsi sempre arrabbiati e non si vuole essere così. La rabbia e la frustrazione possono danneggiare la tua vita in vari modi. Non vuoi sentirti costantemente arrabbiato e nessuno vuole essere sull’orlo di scoppiare in lacrime frequentemente.

Quando sei arrabbiato, si attiva il tuo sistema nervoso simpatico. Il tuo respiro diventa superficiale, il tuo cuore corre e la tua pressione sanguigna aumenta. La cosa migliore da fare per combattere tutto questo potrebbe essere la meditazione. La meditazione aiuta a calmare la mente e il sistema nervoso centrale, rendendo così più facile rilassarsi – non sono necessarie lacrime di rabbia. Devi solo fare un respiro profondo e rilassarti. Rilassate i muscoli facciali e cercate di lasciar andare la rabbia che avete provato dentro. Questo può aiutarvi a tenere a bada le lacrime e rende anche più facile affrontare le emozioni intense.

La meditazione rallenta le risposte del vostro corpo e vi aiuta a rispondere prima di reagire. Praticando 20 minuti di meditazione quotidiana, stai insegnando a te stesso ad avere più controllo sulla tua mente e sul tuo corpo. Meditare in un momento specifico ogni giorno (quando ti svegli, prima di andare a letto, durante la pausa pranzo, ecc.) può avere dei benefici, ma anche meditare in qualsiasi momento in cui senti arrivare lacrime di rabbia.

Fonte: unsplash.com

Giornale

Un diario strutturato dei pensieri può aiutarti a capire e gestire la rabbia, imparando a identificare cosa ti fa arrabbiare, perché e come rispondere piuttosto che reagire. Un diario strutturato dei pensieri è un luogo eccellente per lavorare sulla rabbia.

Puoi prendere nota delle situazioni in cui lotti con la tua rabbia, e fare uno sforzo concertato per cambiare il tuo comportamento se non stai ottenendo i risultati che vuoi nella vita. Puoi anche portare il tuo diario ad una sessione di terapia e leggerlo ad alta voce al tuo terapeuta. Loro avranno qualche idea su come interpretare i tuoi sentimenti. Un terapeuta ti aiuterà se sei preoccupato di passare la tua vita a piangere troppo spesso. Forniscono un sostanziale supporto sociale e il journaling è una delle pratiche che utilizzano spesso.

Ecco come funziona:

Evento: Scrivi l’evento che ti ha fatto arrabbiare.

Pensiero: Qual è stata la tua reazione immediata all’evento? Descrivi i tuoi pensieri immediati e di reazione all’evento.

Sentimento: Come ti senti dopo la tua reazione immediata all’evento? Forse ti senti respinto e trascurato.

Comportamento: Cosa fai dopo? Urli contro il tuo capo? Piangi in bagno?

È importante notare cosa fai quando ti arrabbi. Capire perché stai facendo le azioni che fai ti aiuterà ad imparare e a crescere.

“Mi sono sentito così arrabbiato che ho iniziato a piangere” è un buon punto di partenza ma, se le tue voci sono così brevi, probabilmente non stai davvero esplorando il momento.

Conseguenze: Cosa succede come risultato di tutti questi pensieri, sentimenti e azioni?

Diciamo che interiorizzi la tua rabbia e piangi lacrime di rabbia a pranzo. Questo migliora la situazione? Potrebbe farti sentire meno solo nella tua rabbia ma non risolvere il problema.

Fonte: .com

Rabbia: Emozione o reazione?

Succede a molti di noi: piangiamo quando siamo arrabbiati. Ci arrabbiamo così tanto con un amico, un membro della famiglia, o una situazione o una persona al lavoro che, nel bel mezzo dell’esposizione del nostro caso, le lacrime iniziano a scendere sul viso. Ci si sente arrossati e il viso può anche diventare rosso. Hai paura di perdere la discussione quando i tuoi occhi iniziano a riempirsi di lacrime. Vi suona familiare? Molte persone si sono già trovate in questa situazione e si sa che versare lacrime a volte è scomodo.

Perché piangiamo quando ci arrabbiamo? Come mai alcune persone possono arrabbiarsi e non versare mai una lacrima? Forse vorremmo essere come quelle persone, ma non lo siamo. Quindi, piangere quando ci si arrabbia fa sentire alcuni di noi deboli. Nella nostra società, la rabbia è spesso associata al potere. Se si piange, potrebbe sembrare che si perda questo “potere”.

Una delle ragioni per cui lottiamo con il fatto che piangiamo quando siamo arrabbiati è che la maggior parte delle persone non associa la rabbia come un’emozione, ma piuttosto come una reazione.

La rabbia è vista come una reazione a qualcosa che qualcun altro ha fatto. Quando si è arrabbiati, c’è spesso un’azione che ha luogo – sbattere le porte, gridare, lanciare cose, e purtroppo anche aggredire fisicamente qualcuno.

Ci sono così tanti modi diversi di agire durante un episodio di rabbia – anche con lacrime di rabbia. Perdiamo di vista il fatto che la rabbia è un’emozione legittima e reale; fa parte dell’esperienza umana. Non sarebbe normale o sano se non ci arrabbiassimo mai. Si tratta di come scegliamo di esprimerla.

La maggior parte di noi preferirebbe colpire qualcosa piuttosto che ridursi a un disastro singhiozzante di fronte alla persona che vogliamo disperatamente capire perché siamo arrabbiati ed esprimere ciò che vogliamo che cambi. Se noi “arrabbiati piangenti” guardiamo i nostri precedenti, potremmo vedere che risolviamo più differenze di quelli che agiscono violentemente urlando, incolpando o colpendo. Non è sorprendente che la gente si senta imbarazzata per il pianto arrabbiato, ma è un peccato che la gente non riconosca che può essere salutare. Usa la parte razionale del cervello per cercare di ricordare che il pianto arrabbiato non è necessariamente una cosa negativa.

La rabbia – L’emozione secondaria

La parte interessante è che la rabbia è un’emozione ed è effettivamente un’emozione secondaria. Le emozioni primarie sono quelle che ci fanno sentire più vulnerabili come la paura, l’ansia, la mancanza di rispetto, la vergogna e altre. Queste emozioni non sono equiparate al potere nella nostra società, la rabbia lo è, quindi è spesso quella espressa, quando in realtà, la persona sta probabilmente provando un’emozione primaria e la rabbia è ciò che finisce per essere espressa.

Questo è un po’ più comune con gli uomini. Gli uomini spesso si sentono meno a loro agio nell’essere vulnerabili rispetto alle donne e manifestano la rabbia – comprese le lacrime di rabbia – più spesso. Parte di questo ha a che fare con problemi di sviluppo infantile. Gli uomini possono essere stati cresciuti in modi malsani e questo sviluppo infantile negativo ha portato a problemi di rabbia in età adulta. A questo si può porre rimedio cercando aiuto.

Sia gli uomini che le donne possono trovare conforto nel fatto che la terapia aiuta le persone a gestire la rabbia in modo efficace. Prenditi il tempo per elaborare la tua rabbia in modo sano. Prendi un bicchiere d’acqua e calmati una volta che ne sei in grado. Se ne senti il bisogno, puoi chiedere l’assistenza di un terapeuta che ti aiuti a venire a patti con la tua rabbia. Sarai in grado di affrontare la rabbia molto meglio andando avanti e non ti sentirai più così in imbarazzo per i pianti di rabbia. Le lacrime possono essere salutari sia che siano arrabbiate o meno e un terapeuta può aiutarti a garantire che stai affrontando le tue emozioni in modo sano.

Fonte: pxhere.com

Piangere va bene

Le persone che piangono quando sono arrabbiate probabilmente piangono anche quando sono tristi e persino quando sono felici. Piangere è una normale reazione fisiologica al provare emozioni. Non è insolito avere voglia di piangere quando si è frustrati o arrabbiati. La violenza si verifica quando le persone arrabbiate sentono di essere punite e non hanno altri sbocchi. Questa punizione potrebbe essere un genitore autoritario o forse gruppi di pari per aver osato piangere quando si è castigati da un insegnante.

La prossima volta che avete un incontro con un figlio, una figlia, un marito o anche il vostro capo e parlate di qualcosa che vi ha sconvolto o addirittura fatto arrabbiare, portate i fazzoletti.

E’ giusto sentirsi arrabbiati perché la rabbia è un’emozione umana. Piangere è un modo perfettamente accettabile di affrontare i propri sentimenti. Le lacrime di rabbia a volte possono davvero essere salutari per te. Se ti dà fastidio, o ti preoccupi di come reagiranno le altre persone, puoi essere sincero e dire senza mezzi termini: “A volte piango quando sono arrabbiato”. Non è qualcosa di cui essere imbarazzati. È proprio come alcune persone evitano di dire addio perché li fa piangere. È una semplice reazione fisiologica. Non c’è bisogno di essere timidi o imbarazzati per una reazione fisiologica che non si può necessariamente controllare.

Ci sono molte persone che hanno difficoltà ad accettare che piangere arrabbiati sia giusto. Si potrebbe anche essere preoccupati che il pianto sia un sintomo di qualche tipo di problema di salute mentale. Alcune persone hanno problemi di personalità che portano a piangere. I problemi di personalità non sono in genere il motivo per cui le persone piangono quando si arrabbiano, ma puoi sempre parlare con un professionista se sei preoccupato. Se piangi molto e pensi che questo abbia un impatto negativo sulla tua vita, allora potrebbe essere meglio cercare aiuto. Puoi arrivare a capire i tuoi sentimenti e il motivo per cui piangi così tanto con l’aiuto di un professionista. Le tue lacrime potrebbero significare solo che sei arrabbiato, ma potrebbero significare molto di più. Parla con qualcuno che possa aiutarti oggi stesso per capire se sei arrabbiato o se hai bisogno di aiuto per un’altra condizione.

Un professionista può aiutarti a rispondere alla domanda “Perché piango?”

Anche se la rabbia e il pianto sono entrambe reazioni normali al provare emozioni intense, se ti accorgi che sei arrabbiato o piangi apparentemente “senza motivo apparente”, potresti aver bisogno di parlare con qualcuno per risolvere il problema. Se continuate a dire a voi stessi “sono sempre arrabbiato e non riesco a smettere di piangere”, allora questo potrebbe significare che avete bisogno di aiuto.

A volte, proviamo sentimenti così intensi che sono difficili da esprimere. Un consulente con esperienza nella consulenza e nell’istruzione superiore nella sua area di competenza può essere davvero utile per insegnarti come rallentare e comunicare ciò che è importante per te, in modo che tu possa farti capire, possibilmente senza piangere lacrime di rabbia.

Fonte: pexels.com

Il counseling può essere utile anche se scopri che piangi spesso perché forse hai una convinzione di fondo che le tue parole e i tuoi sentimenti non contano, o che nessuno ti prenderà sul serio.

Se vuoi che le persone ti prendano sul serio, devi sentirti sicuro di te. Un consulente può lavorare con te per aiutarti a guadagnare fiducia e trovare uno stile di comunicazione che funzioni per te.

È importante che tu capisca che il modo in cui ti senti è un diritto personale e nessuno può dirti che hai ragione o torto. Per le persone che sono cresciute in famiglie in cui i sentimenti dei bambini non erano riconosciuti o per qualcuno che è stato in una relazione emotivamente malsana, questa potrebbe essere una barriera che un consulente può aiutare a superare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *