Spartacus Educational

John Kay, dodicesimo figlio di un contadino Yeoman, nacque vicino a Bury nel Lancashire nel 1704 circa. Poco si sa della sua prima vita, ma viveva a Bury nel 1730 quando brevettò una macchina per torcere ed incordare mohair e worsted.

Per secoli la tessitura al telaio a mano era stata effettuata sulla base della navetta che portava il filo e che passava lentamente e goffamente da una mano all’altra. Nel 1733 Kay brevettò la sua navetta volante che aumentò drasticamente la velocità di questo processo. Kay mise delle scatole di navetta ad ogni lato del telaio collegate da una lunga tavola, conosciuta come una corsa di navetta. Per mezzo di corde attaccate a un picchetto, un singolo tessitore, usando una sola mano, poteva far sbattere la navetta avanti e indietro attraverso il telaio da una scatola all’altra.

Una sezione di un murale prodotto da William Bell Scott che mostra John Kay in fuga dalla sua casa nel 1753 dopo essere stato attaccato dai lavoratori tessili locali.
Una sezione di un murale prodotto da William Bell Scott che mostra
John Kay in fuga dalla sua casa nel 1753 dopo essere stato attaccato dagli
lavoratori tessili locali.

Un tessitore che utilizzava la navetta volante di Kay poteva produrre tessuti molto più larghi a velocità maggiori di prima. Alcuni produttori di lana usavano la navetta volante di Kay ma erano riluttanti a pagargli i diritti d’autore. I costi del ricorso ai tribunali per ottenere il denaro che gli era dovuto hanno quasi rovinato Kay.

Nel 1753 la casa di Kay a Bury fu saccheggiata da una folla di lavoratori tessili che temevano che le sue macchine avrebbero distrutto il loro sostentamento. Profondamente depresso per questi eventi, John Kay lasciò l’Inghilterra per la Francia dove si crede sia morto povero nel 1780 circa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *