Storie d’amore: Come Humphrey Bogart e Lauren Bacall si sono innamorati sul grande schermo

Molte storie d’amore a Hollywood sono iniziate sullo schermo e si sono riversate nella vita reale degli attori coinvolti, ma la più iconica deve essere quella di Humphrey Bogart e Lauren Bacall.

Aveva solo 19 anni quando incontrò per la prima volta Bogart, che all’epoca era un’acclamata star di Hollywood e aveva 25 anni più di lei, la Bacall confessò nel suo libro di memorie del 1978, By Myself, che “non ci fu nessun tuono, nessun colpo di fulmine” quando posò gli occhi su di lui per la prima volta.

Bogart e Bacall recitano in ‘To Have and Have Not’. (Mary Evans/AAP)

Era il 1943 e la coppia doveva recitare insieme in To Have and Have Not, ma la Bacall era nervosa per la produzione e presto si trovò a rivolgersi a Bogart per avere un sostegno.

Il primo giorno di riprese lei continuava a tremare, così lui le disse di abbassare il mento per nasconderlo, costringendola a guardare in alto verso di lui in quello che divenne il suo famoso “Sguardo”.

Il duo divenne rapidamente amichevole e poiché il film fu girato unicamente in ordine cronologico, fu catturato il legame sbocciato tra loro. E che legame era.

“È uno di quei casi in cui è molto probabile che siamo testimoni oculari dell’innamoramento di un attore o di un’attrice”, ha detto a Vanity Fair lo storico del cinema Leonard Maltin a proposito della loro storia d’amore sullo schermo.

Humphrey Bogart, a destra, abbraccia l’attrice Lauren Bacall in una scena di ‘To Have and Have Not’ del 1944. (AP/AAP)

“Anche se i bravi attori ci fanno credere che tutto il tempo, ci deve essere qualche spinta in più quando è reale.”

La chimica tra la Bacall e Bogart era così forte sul set che il film, che originariamente prevedeva che il personaggio di Bogart rompesse con un’altra donna, fu cambiato per farlo innamorare di quella della Bacall.

“La chimica – non si può battere la chimica”, disse la Bacall nel 2007, ma la chimica tra lei e Bogart era altrettanto forte fuori dallo schermo che dentro.

Ad appena tre settimane dall’inizio delle riprese, la coppia condivise il primo bacio – nel camerino della Bacall dopo una giornata di riprese – e lui in seguito le chiese il numero di telefono, che lei notoriamente scarabocchiò sul retro di una scatola di fiammiferi.

“Chimica – non si può battere la chimica.”

La loro storia d’amore sembrava allora destinata a cominciare sul serio; l’unico problema, naturalmente, era la moglie di Bogart.

Al suo terzo matrimonio, Bogart stava con l’attrice Mayo Methot dal 1938, ma la loro relazione era tutt’altro che felice. Non era il tipo di donna che qualcuno voleva incrociare, tanto meno la diciannovenne Bacall.

Humphrey Bogart, a sinistra, e sua moglie Lauren Bacall appaiono allo Stork Club di New York nel 1950. (AP/AAP)

Ma lei non si sarebbe fatta dissuadere dal vedere Bogart, e iniziarono a incontrarsi in segreto in auto e in un golf club vicino a dove stavano girando To Have and Have Not. Usarono persino i loro nomi sullo schermo, “Steve” e “Slim”, per mascherare le loro identità.

Ma la loro relazione segreta era legata al film, e nel maggio del 1944 le riprese terminarono e la Bacall e Bogart furono costretti a separarsi.

“So cosa si intendeva con ‘Dire addio è morire un po”'”, le scrisse lui in un biglietto non molto dopo la loro separazione.

“Perché quando mi sono allontanato da te quell’ultima volta e ti ho vista lì così cara, sono morto un po’ nel mio cuore.”

Nei mesi successivi, Bogart tornò al suo matrimonio con Methot, ma alla fine dell’anno si riunì con la Bacall sul set di The Big Sleep.

Lauren Bacall, a sinistra, e Humphrey Bogart a Cannes durante una vacanza nel 1953. (AP/AAP)

All’inizio, ha cercato di rimanere fedele a Methot, che aveva accettato di smettere di bere. La Bacall scrisse in seguito della scelta di Bogart: “Dissi che avrei dovuto rispettare la sua decisione, ma che non doveva piacermi.”

Ma Bogart lottò quando la sua chimica con la Bacall si riaccese sul set del film, e dopo mesi di tira e molla lasciò finalmente Methot.

Divorziarono il 10 maggio 1945 – esattamente un anno dopo la fine delle riprese di To Have and Have Not – e solo 11 giorni dopo sposò la Bacall in una piccola cerimonia nella fattoria di un amico in Ohio.

Quando lei percorse la navata lui la salutò con “Hello, baby”, al che la Bacall rispose “Oh, goody”. Bogart ha persino pianto mentre si scambiavano i voti.

Humphrey Bogart e Lauren Bacall nel giorno del loro matrimonio. Lauren con la loro figlia, Leslie Bogart. (Getty/Mary Evans/AAP)

Secondo la Bacall stessa, Bogart aveva esitato a sposarla, ma lei era troppo “insistente” per essere rifiutata dopo tanto tempo.

“Fin dall’inizio mi disse: ‘Ti amo, e se vuoi una carriera, farò tutto il possibile per aiutarti, ma non ti sposerò'”, ha rivelato la Bacall in un’intervista del 2011 a Vanity Fair.

“Voleva una moglie che andasse con lui e fosse presente, e aveva ragione. Ed è quello che volevo io, ed è per questo che volevo dei figli”. Lui non aveva mai avuto un figlio. Quindi ero Miss Pushy in quel senso. Ma ero felice di essere sua moglie. Mi piaceva molto. Perché lo amavo davvero.”

A differenza dei suoi precedenti matrimoni, quella di Bogart con la Bacall fu un’unione felice. Anche se ammette di aver perso dei ruoli nei film perché era vista come “la moglie di Bogie”, la Bacall era veramente innamorata.

Lauren Bacall fuma una sigaretta e si appoggia alla spalla di suo marito, l’attore Humphrey Bogart, su un set cinematografico nel 1948 circa. (Getty)

Nel 1949 la coppia accolse il primo figlio, un maschio chiamato Steven come il personaggio di Bogart in To Have and Have Not, e nel 1952 aggiunse alla famiglia la figlia Leslie.

Ma erano stelle del cinema di Hollywood prima di essere genitori e coniugi, e tutti, dai dirigenti cinematografici ai loro stessi fan, pensavano che qualcosa sarebbe andato storto.

Dopotutto, questo era il quarto matrimonio di Bogart e lui era decenni più vecchio della Bacall – dettagli che molti avrebbero considerato preoccupanti. Non che alla Bacall importasse un bel niente.

“Quello che non consideravano era che i Bogart erano innamorati.”

“Quando io e Bogie ci siamo sposati, il gruppo di cupi di Hollywood ha scosso le loro teste collettive e si è lamentato: ‘Non durerà'”, ha ricordato.

“Sapevamo bene. Quello che i catastrofisti non hanno considerato è che i Bogart erano innamorati”.

Ha rinunciato a molte opportunità di carriera per crescere la loro famiglia e ricoprire un ruolo “tradizionale” di moglie e madre, qualcosa su cui Bogart “all’antica” insisteva.

Negli 11 anni di matrimonio, la Bacall si è concentrata sui figli e sul sostegno a Bogart, lasciando che la sua carriera passasse in secondo piano in una scelta che molte donne moderne considererebbero sorprendente. Per la Bacall, ne è valsa la pena.

Lauren Bacall, 27 anni, aggiusta il papillon del marito Humphrey Bogart, 50 anni, a un ricevimento nel 1951. (PA/AAP)

“Se avessi avuto solo la mia carriera, mi sarei persa Bogie, i bambini, la sostanza stessa della vita”, ha detto al Guardian nel 2005.

E ogni volta che Bogart ricordava i loro “bei tempi” nel cinema insieme, la sua risposta era semplice: “Gli dicevo: ‘Lascia perdere, amico. Questi sono i bei tempi andati.”

Ma i loro bei tempi non sarebbero durati, e nel 1956 a Bogart fu diagnosticato un cancro all’esofago, e morì meno di un anno dopo, il 14 gennaio 1957.

A soli 32 anni, quando rimase vedova, la Bacall si concentrò sui suoi due figli piccoli, e anche se ebbe una serie di altre storie d’amore nei decenni successivi, nessuna rimase impressa.

Morì nel 2014, all’età di 89 anni, e solo tre anni prima della sua morte scherzò sul fatto che – nonostante il mezzo secolo dalla sua scomparsa – Bogart era ancora legato a lei.

Lauren Bacall siede in braccio al marito, l’attore Humphrey Bogart, su un set cinematografico. (Getty)

“Il mio necrologio sarà pieno di Bogart, ne sono sicura”, ha detto a Vanity Fair.

Infatti, dopo la sua morte le pubblicazioni di tutto il mondo hanno ricordato la sua storia d’amore con Bogart e i loro 11 anni felici insieme. Quando una tale storia d’amore sboccia sullo schermo e poi prosegue nella vita reale, è difficile non meravigliarsene.

Anche la stessa Bacall sapeva quanto miracolosa fosse la storia d’amore tra lei e Bogart, scrivendo dopo la sua morte: “Nessuno ha mai scritto una storia d’amore meglio di come abbiamo vissuto noi”

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *