Turn, Baby, Turn: Tecniche per far abbassare la testa al bambino podalico

Jolivette si siede su una palla da parto e mette un sacchetto di mais congelato sulla parte superiore della sua pancia, per far scendere il bambino. Jolivette ha testato per la prima volta la tecnica delle verdure congelate sul suo cane. Per gentile concessione di Jolivette Mecenas hide caption

toggle caption

Per gentile concessione di Jolivette Mecenas

Jolivette si siede su una palla da parto e mette un sacchetto di mais congelato sulla parte superiore della sua pancia, per far scendere il bambino. Jolivette ha provato per la prima volta la tecnica delle verdure congelate sul suo cane.

Per gentile concessione di Jolivette Mecenas

Jolivette dice che aveva intenzione di continuare a scrivere su come lei e il suo partner Charlyne hanno scelto il loro donatore, una storia che ha iniziato a raccontare nel suo ultimo post. Ma sta rimandando quell’argomento per aggiornare i lettori su come sta facendo il bambino in questi giorni.

Il battito cardiaco è buono, i liquidi amniotici sembrano buoni…ed è podalico! Questa è stata una novità per noi. Pensavamo che fosse nella posizione ideale a testa in giù già da qualche settimana, ma o noi (compresa l’ostetrica dell’ospedale) ci siamo sbagliati o si è girato di nuovo. In ogni caso, la sua testa è posizionata in cima al mio addome, e si presenta prima con le natiche, il che significa che la sua parte posteriore è in cima alla mia cervice – non ideale per un parto vaginale.

In effetti, abbiamo lasciato l’ufficio del dottore quel giorno con due nuovi appuntamenti: il primo è con uno dei medici dell’ospedale per una versione esterna (più avanti); il secondo è per un possibile cesareo nella mia 39a settimana (presto!).

Ricordate il mio post sul nostro piano di nascita HypnoBirthing, e il rilassato parto naturale a tema arcobaleno? Beh, ho anche scritto di essere flessibili, e ora sembra che dobbiamo prepararci alla possibilità di un parto chirurgico, senza gli arcobaleni.

Sono tornata a casa dal controllo un po’ scoraggiata. Non è che io abbia il cuore per un parto naturale, ma un cesareo non sembra così divertente. Davvero, mi piacerebbe mandare avanti veloce l’intero processo del parto e arrivare solo a quella scena felice con il mio bambino sul mio seno e me e Charlyne che lo guardiamo raggianti. Naturalmente, mi dico, in entrambi i casi non importa, basta che alla fine sia sano. Ma importa, perché è un fattore di questa esperienza che non posso controllare e che devo accettare. Il bambino deciderà da solo se e quando scendere nella posizione giusta. Noi possiamo, però, aiutarlo a persuaderlo.

Di Jolivette

Jolivette Mecenas, 38 anni, vive con il suo compagno, Charlyne, a Los Angeles. I due hanno accolto il loro primo figlio, Maximilian Dominic Mecenas-Sarmiento, il 17 agosto.

  • Jolivette’s Full Bio
  • More From Jolivette

Secondo diversi libri sulla gravidanza, la maggior parte dei bambini si stabilisce nella posizione a testa in giù per la loro discesa nel canale del parto entro le 36 settimane. Il nostro piccolino è in quel 4 per cento ostinato o giù di lì che rimane a testa in su, nonostante la gravità che tira la sua grande testa di bambino. Dopo la 37a settimana, la possibilità che i bambini si girino da soli diminuisce, ma ci sono alcune tecniche da provare. Ho trovato il sito educativo SpinningBabies.com, un’utile fonte di informazioni sul posizionamento fetale.

Mentre scrivo questo sono seduta su una palla da parto (una di quelle grandi palle gonfiabili altrimenti note come palla da ginnastica) con il computer appoggiato di fronte a me sul divano. Sedersi sulla palla da parto è ottimo per quando si è in travaglio, ma promuove anche una buona postura durante la gravidanza. E una buona postura rende più facile per il bambino posizionarsi a testa bassa, a faccia in giù (di fronte alla tua spina dorsale), che è l’ideale per un parto più facile.

L’ostetrica dell’ospedale ha anche suggerito di mettere un sacchetto di verdure congelate sulla testa del bambino, un consiglio suggerito anche da vari siti online. L’idea è che il bambino si sentirà a disagio con le verdure ghiacciate sulla testa, e si allontanerà dalla sensazione, sperando di spostarsi di 180 gradi nella posizione in cui deve stare. Ho testato questo mettendo un sacchetto di mais congelato sulla testa del mio cane, e sicuramente lo odiava e si è allontanato immediatamente. Un test sufficiente.

Combinando entrambe le tecniche, mi sono seduta sulla palla da parto con la spina dorsale dritta, la pancia in fuori, le gambe larghe con i piedi ben piantati, e il bacino aperto. Un sacchetto di mais congelato era appoggiato sul punto duro dove potevo sentire la testa del bambino. Come il cane, il bambino ha cominciato a muoversi immediatamente. Non posso dire che si è girato come volevo, ma quando ho toccato lo stesso punto sul mio addome 10 minuti dopo, era morbido come se la testa del bambino fosse migrata altrove, almeno un po’.

La compagna di Jolivette, Charlyne, tiene il suo telefono nella parte inferiore della pancia di Jolivette. Sperano che una musica come “No Woman, No Cry” di Bob Marley e “Rocket Man” di Elton John attiri il bambino verso il basso. Per gentile concessione di Jolivette Mecenas hide caption

toggle caption

Per gentile concessione di Jolivette Mecenas

La compagna di Jolivette, Charlyne, tiene il suo telefono nella parte inferiore della pancia di Jolivette. Sperano che una musica come “No Woman, No Cry” di Bob Marley e “Rocket Man” di Elton John attiri il bambino verso il basso.

Per gentile concessione di Jolivette Mecenas

Più tardi quella sera, abbiamo provato la prossima tecnica “gira, bambino, gira”, quella che io chiamo il “pifferaio magico” – usando la musica per attirarlo verso il basso. Charlyne ha scaricato una musica adatta al bambino da iTunes: versioni di ninna nanna di “No Woman, No Cry” di Bob Marley e “Rocket Man” di Elton John. Mentre mi sedevo sulla palla da parto, lei teneva il suo iPhone sul fondo della mia pancia, vicino al mio bacino, e suonava quella che sembra una musichetta per bambini. Il bambino sembrava rispondere allo stesso modo a Elton John e a Bob Marley, dimenandosi dolcemente. Di nuovo, non so se si è mosso nella giusta direzione, ma continueremo a provare.

Siamo anche considerando l’ipnoterapia, dato che il nostro insegnante di HypnoBirthing è un ipnoterapeuta. Non so come funziona, ma credo che l’ipnoterapeuta aiuti la mamma a rilassare i muscoli uterini e a visualizzare il bambino che gira a testa in giù. Se l’ipnoterapia funziona, amen! Perché questo significa che posso evitare la versione esterna – o versione in breve – che ho in programma per la prossima settimana.

Una versione è quando un medico esperto mette le sue mani sulla tua pancia, una mano vicino alla testa del bambino, l’altra vicino alle natiche del bambino, e fa rotolare il bambino fino alla posizione della testa in giù. Alla mamma vengono dati dei farmaci per rilassare l’utero e il cuore del bambino viene monitorato. Non ha sempre successo, e ci possono essere dei rischi per il bambino e del dolore per la mamma, il che mi ha fatto esitare. Ma l’ostetrica mi ha esortato a provare perché, in caso di successo, significa che potrei avere un parto normale, che secondo lei è più ideale di un parto chirurgico, e sono d’accordo. Inoltre, mi ha assicurato che il medico previsto per eseguire la versione è di alto livello, il che mi ha reso più fiducioso sull’intera faccenda.

Perciò passiamo in rassegna (assecondate il professore che è in me per un momento, per favore):

  • Sedersi sulle palle da parto per una buona postura, mettere verdure congelate sull’addome e attirare il bambino giù verso il bacino con la musica sono tutte tecniche sicure e utili per girare un bambino podalico che potete provare a casa.
  • L’ipnoterapia è un’opzione non medica per rilassare e girare il tuo bambino attraverso la visualizzazione, aiutata da un ipnoterapeuta autorizzato.
  • Una versione è la procedura medica eseguita da un medico, che monitora le condizioni del bambino per tutto il tempo. Importante: non far tentare a nessuno che non sia un M.D. di muovere manualmente il tuo bambino!

Siamo positivi, e vedremo cosa funziona! Nel frattempo, inizierò la parte 2 della storia del donatore, promesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *