Vanessa Redgrave parla della morte di Natasha Richardson: ‘Non va mai bene’

Le attrici britanniche Vanessa Redgrave e sua figlia Natasha Richardson posano durante un photocall del film “The White Countess” diretto dal regista statunitense James Ivory. – Getty

Vanessa Redgrave sta ancora affrontando la perdita di sua figlia Natasha Richardson.

Richardson, un’attrice vincitrice del Tony Award, è morta nel 2009 all’età di 45 anni dopo aver subito ferite alla testa in un incidente sciistico. Sua sorella Joely Richardson ha aiutato il vedovo della star, l’attore Liam Neeson, a crescere i due figli della coppia.

“Il tempo non guarisce; questo mi sembrerebbe dire che improvvisamente va tutto bene, e non è così”, ha detto la Redgrave, 81 anni, alla rivista People nel suo ultimo numero. “Non va mai bene.”

DENNIS QUAID CHIAMA NATASHA RICHARDSON: ‘A BEAUTIFUL PERSON’

“Sei diversa”, ha aggiunto Joely, 54 anni. “Semplicemente diversa – cambiata. Quello che abbiamo fatto bene come famiglia è che, onorandoci e sostenendoci a vicenda, ci siamo riformati per diventare un’unità forte e amorevole.”

L’attrice britannica Natasha Richardson durante una conferenza stampa per il film “The White Countess” a Shanghai l’8 ottobre 2004. (Reuters)

Redgrave ha detto che la tragedia ha dato alla sua famiglia un senso di nuovo apprezzamento per la vita.

“Nel mio caso, tengo molto, molto di più alla mia famiglia perché ti rendi conto che la differenza tra essere vivo e morto è la differenza di una piccola unghia,” ha detto l’attrice veterana. “Penso che questo ti renda più consapevole e più premuroso.”

Il figlio di Lam NEESON Rende omaggio a NATASHA RICHARDSON

“Cerca di trovare la gioia nella vita perché siamo così fortunati ad essere qui”, ha detto Joely. “Ogni giorno, ogni compleanno che passa, sono solo così grato.”

Nel marzo 2018, Joely ha detto a Closer Weekly di credere che la Richardson non abbia mai lasciato il suo fianco nonostante la tragedia familiare.

Maggio 1985: Figlie dell’attrice Vanessa Redgrave (L-R) Natasha Richardson & Joely Richardson. (Getty)

“Lei sarà una parte di me fino al giorno del mio check out”, ha rivelato Joely alla rivista. “Stranamente, ci siamo ancora dentro insieme.”

Joely ha anche ricordato di aver sostenuto Neeson nel crescere i suoi due figli dopo che hanno perso la madre.

“Gli anni sono stati molto, molto difficili quando ci ha lasciato”, ha ammesso Joely. “Ma ci siamo tutti presi cura l’uno dell’altro e ci siamo fatti avanti. Nessuno potrebbe riempire le sue scarpe, naturalmente, ma stiamo cercando di essere le migliori persone possibili. Credo che tutti i nostri cari siano intorno a noi.”

CLICCA QUI PER OTTENERE L’APP FOX NEWS

Nel 2014, l’ormai 66enne star irlandese ha parlato con Anderson Cooper a “60 Minutes” della tragica morte di Natasha.

8 dicembre 2002. Natasha Richardson e suo marito, l’attore Liam Neeson, arrivano alla prima mondiale del film “Maid in Manhattan”, a New York City. (Reuters)

“Mi avevano detto che era cerebralmente morta”, ha spiegato. “E vedendo questa radiografia è stato come ‘Wow.’ Ma ovviamente, era attaccata al supporto vitale e tutto il resto. E sono andato… da lei e le ho detto che le volevo bene. Le ho detto: ‘Tesoro, non ti riprenderai da questo. Hai battuto la testa. E’ – non so se puoi sentirmi, ma questo è – questo è quello che è successo. E ti riportiamo a New York. Tutta la tua famiglia e gli amici verranno”.”

Neeson ha aggiunto che la coppia – che si è sposata nel 1994 – aveva “fatto un patto” che se “uno di noi fosse entrato in uno stato vegetativo avremmo staccato la spina.”

Natasha ha anche “donato tre dei suoi organi, quindi sta tenendo in vita tre persone al momento. Il suo cuore, i suoi reni e il suo fegato.”

“Penso che anche lei sarebbe molto entusiasta e contenta di questo,” ha detto Neeson.

5 maggio 2008: Natasha Richardson al Metropolitan Museum of Art’s Costume Institute Gala. (AP)

Neeson è rimasto impegnato non solo a crescere i figli come genitore single, ma anche a girare nuovi film.

“Non sono bravo senza lavoro”, ha ammesso. “Semplicemente non… non mi crogiolo troppo. Capisce? E non volevo – specialmente per i miei ragazzi – che sembrasse che mi stessi crogiolando nella tristezza o nella depressione.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *